A Serravalle apre l’Outlet più grande d’Europa

Serravalle Scrivia – La chiamano «Phase V – VI». Banalmente, per tutti, è l’outlet che si conferma il più grande d’Europa, con la nuova espansione e conseguente inaugurazione, fissata per giovedì (quando verranno accese pure le luci di Natale e canterà il coro torinese Sunshine Gospel). I numeri impressionano:sono 65 i nuovi negozi, più di 500 gli assunti (in totale adesso i dipendenti superano quota duemila), 50mila i metri quadrati che copre il Serravalle Designer Outlet. Una potenza commerciale aperta tutto l’anno (fanno eccezione Natale, Santo Stefano, il primo gennaio e Pasqua). Ora, pronta «per affrontare nuove sfide, offrendo più vetrine, più camerini, più attenzione al gusto». E pure più servizi (compreso il parrucchiere).

Nella nuova zona del Designer Outlet di Serravalle si può già girare, comprare, mangiare. Da pochi giorni: era giovedì quando dalla direzione hanno deciso di aprire il grande «ponte» di vetro, la passerella che permette l’accesso – panoramico – a tutto quello che si trova dall’altra parte della strada provinciale, qualche ora prima dell’inaugurazione ufficiale di domani. Ed è già un successo, di pubblico e commenti. Merito dei brand (alcuni sono ancora dei «coming soon», ma prima di Natale tutte le vetrine saranno accese). Merito della scelta di non spostare lì i marchi del lusso, ma di aggiungere ciò che prima non c’era. Si notano insegne «di livello», accanto a negozi dai prezzi accessibili. «Per tutti» si dice così. In più, si mangia meglio: «Abbiamo cercato di migliorare gli aspetti deboli. Ad esempio il food, aggiungendo corner e ristoranti di livello, con attenzione anche al territorio» spiegano dal marketing della struttura.

C’è Bonetti, la gelateria che arriva da Firenze, poi Wok (ristorante asiatico), Obicà, il corner di Dolci Terre dedicato ai prodotti delle colline che circondano l’area. C’è anche Ham Holy Burger, famoso a Milano per gli hamburger tailor made. E a proposito di «su misura», c’è anche una nuova sartoria, e il parrucchiere (Coppola).

Si è passati da 185 a ben 250 negozi. La curiosità è tanta. Quali sono? Alberto Guardiani, A.n.g.e.l.o. Vintage, Antony Morato, At.P.Co, Bally, Bagutta, Boxeur des Rues, Burberry, Carlo Pazolini, Class, Empresa, Facis, Flavio Castellani, Gap, Imperial, Kocca, L’Autre Chose, Libero Milano, Paul Taylor, Pepe Jeans, Refrigue, Seventy, Yamamay, Bomboogie, Columbia, Freddy, Vans, Vilebrequin, Italia Independent, Brums, Chicco, Toys Con Te, Erbaflor Peruzzo, Morellato, Nespresso, Andrè Maurice, Dc, Falconeri, Haribo, Malloy, Sandro, Santoni.serravalle

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *